sabato 28 febbraio 2015

Spettatore da 25 anni

Mai avrei pensato un giorno di tornare indietro nel tempo di 25 anni fa, quando mio padre mi portò per la prima volta al cinema. E' un avvenimento che accade prima o poi a tutti nella infanzia e non a caso rimane nei nostri cuori ma sopratutto nella nostra memoria per tutta la vita. Ho cercato di memorizzare il più possibile di quel pomeriggio che passai al cinema Sisto di Ostia Lido (oggi diventato un Bingo) folgorato dal fascio di luce che partiva silenzioso dalla sala del proiezionista verso uno schermo che mi parve enorme, bianco, in attesa delle nostre emozioni. Io avevo 8 anni, ma erano già diversi anni che supplicavo mio padre a portarmi al cinema. Forse non era convinto del mio comportamento - ero piuttosto vivace - ma sapeva di avermi dato un dispiacere enorme quando non mi portò a vedere Chi ha incastrato Roger Rabbit all'età di sei anni. Quindi, ora gli toccava anche perché seppur non fossi viziato rompevo molto i coglioni. E così, il 18 febbraio 1990, papà fece questo clamoroso sforzo e mi portò a vedere l'unico film in programmazione che potesse andare bene per un bambino. Qui sotto la programmazione di quel giorno. Indovinerete il titolo con facilità:


Esatto, Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi fu il primo film della mia vita. Chi è troppo giovane non può ricordarselo ma prima di ogni film della Disney veniva proiettato un cortometraggio animato e io fui davvero fortunato perché era un cartone di Rober Rabbit, uno dei tre corti realizzati per sperimentare il coniglio come possibile star di una serie. Tecnicamente quindi il primo film che vidi fu Una pazza indigestione (Tummy Trouble), un parziale risarcimento alla mancata visione di Chi ha incastrato, e furono sette minuti velocissimi, una fila di fuoco di gag demenziali che rischiai seriamente di farmela sotto: papà mi sgomitava dicendomi di calmarmi perché potevo disturbare gli altri spettatori ma ridevo troppo per dargli retta. 
Devo ammettere che fui abbastanza fortunato a cominciare la mia esperienza come spettatore cinematografico con un film della Disney, e se vi ricordate bene la trama era piuttosto bizzarro ma molto divertente. E rivedere Rick Moranis me lo rendeva tutto particolarmente simpatico. Moranis mi aveva fatto ridere come un matto pochi mesi prima, in televisione, vedendo per la prima volta su Canale 5 il mitico Ghostbusters (1984). 
Vi ricordate il film di Moranis? Lui era uno scienziato che ha inventato una macchina che rimpicciolisce le cose, e che per errore rimpicciolisce i suoi figli e il figlio del vicino: finiti nel giardino di casa, diventato per loro una vera giungla piena di pericoli (ve la ricordate la formica addomesticata?), comincerà per loro una avventura incredibile.
Ecco, se volevo conoscere la magia del cinema, mi ero servito sul piatto un film originale e divertente. Non ho mai visto i seguiti che la Disney girò sulla scia del successo avuto - dove praticamente prima allargano un ragazzino, poi si rimpiccioliscono i genitori, poi... - perché non volevo guastare il ricordo di quel pomeriggio tanto importante per me, a otto anni, senza popcorn ma con un film indimenticabile.

giovedì 5 febbraio 2015

50 ANNI SENZA STANLIO

manifesto realizzato da Alex Rossini
Fra pochi giorni, il 23 febbraio prossimo, cadrà un anniversario importante: saranno infatti 50 anni dalla scomparsa di Stan Laurel, il nostro Stanlio, che ci lasciò il 23 febbraio 1965 all'età di 75 anni non compiuti. Per l'occasione, l'Associazione Figli del deserto - il fanclub internazionale di Stanlio e Ollio - sta lavorando per celebrare il meglio possibile il genio comico di Stan che, nel 2015, compirà fra l'altro 125 anni.
Il primo evento che hanno organizzato sarà a Roma, proprio lunedì 23 febbraio, riportando al cinema dopo decenni il classico I DIAVOLI VOLANTI (The Flying Deuces, 1939) ovviamente in italiano, con le voci storiche di Mauro Zambuto (Stanlio) e Alberto Sordi (Ollio). Il cinema che li ospiterà è il cinema Tiziano di Roma (Via Guido Reni n.2, zona Flaminia/Parioli) e l'occasione sarà doppia perché due sono gli spettacoli a disposizione: alle 16,30 e alle 22,30, e l'ingresso sarà gratuito. I "figli" saranno presenti anche per introdurre il film con curiosità e aneddoti su Stan e sulla coppia, e in più sarà possibile acquistare memorabilia su Stanlio e Ollio nello stand che sarà allestito all'interno del cinema. Sarà occasione di tornare al vecchio fascino di vedere un film d'epoca in un cinema storico come il Tiziano e....di ridere come matti!
Quindi ci vedremo tutti a Roma il prossimo 23 febbraio alle ore 16.30 o alle 22.30 (o ad entrambi gli spettacoli!) per rivedere I diavoli volanti al cinema in formato HD. Prima della proiezione, ci sarà una sorpresa per i cinefili e non solo.